Segue tutta la Santa Regola di San Benedetto. Tutte le sante regole della Chiesa sono una via sicura che portano in cielo. La Regula Benedicti è scritto in particolare per una vita cenobitica, ma è anche adatta alla vita solitaria. Per leggere la regola per vivere da eremita e anacoreta si consiglia di guardare>> QUI< Regola basata su quella di San Benedetto.

Tuttavia ci sono eremiti e anacoreti che creano tramite il sostegno dello Spirito Santo un proprio programma di vita o anche una propria regola, facendola approvare  e benedire da un direttore spirituale, il superiore o un vescovo, che rappresenta la Chiesa. Noi con questo sito internet vi invitiamo di diventare figli del patrone d´europa e padre della vita monastica: figli di San Benedetto da Norcia.

Regula Sancti Benedicti

Capitula Regulae

Regola di S. Benedetto

Indice dei capitoli

Prologus Prologo
I - De generibus monachorum I - Le varie categorie di monaci
II - Qualis debeat esse abbas II - L'Abate
III - De adhibendis ad consilium fratribus III - La consultazione della comunità
IV - Quae sunt instrumenta bonorum operum IV - Gli strumenti delle buone opere
V - De oboedientia V - L'obbedienza
VI - De tacitunitate VI - L'amore del silenzio
VII - De humilitate VII - L'umiltà
VIII - De officiis divinis in noctibus VIII - L'Ufficio divino nella notte
IX - Quanti psalmi dicendi sunt nocturnis horis IX - I salmi dell'Ufficio notturno
X - Qualiter aestatis tempore agatur nocturna laus X - L'Ufficio notturno dell'estate
XI - Qualiter diebus dominicis vigiliae agantur XI - L'Ufficio notturno nelle Domeniche
XII - Quomodo matutinorum sollemnitas agatur XII - Le lodi
XIII - Privatis diebus qualiter agantur matutini XIII - Le lodi nei giorni feriali
XIV - In nataliciis Sanctorum qualiter agantur vigiliae XIV - L'Ufficio vigilare nelle feste dei Santi
XV - Alleluia quibus temporibus dicatur XV - Quando si deve dire l'Alleluia
XVI - Qualiter divina Opera per diem agantur XVI - La celebrazione delle ore del giorno
XVII - Quot psalmi per easdem horas canendi sunt XVII - Salmi delle ore del giorno
XVIII - Quo ordine ipsi psalmi dicendi sunt XVIII - L'ordine dei salmi nelle ore del giorno
XIX - De disciplina psallendi XIX - La partecipazione interiore all'Ufficio divino
XX - De reverentia orationis XX - La riverenza nella preghiera
XXI - De decanis monasterii XXI - I decani del monastero
XXII - Quomodo dormiant monachi XXII - Il dormitorio dei monaci
XXIII - De excommunicatione culparum XXIII - La scomunica per le colpe
XXIV - Qualis debet esse modus excommunicationis XXIV - La misura della scomunica
XXV - De gravioribus culpis XXV - Le colpe più gravi
XXVI - De his qui sineiussione iungunt se excommunicatis XXVI - Rapporti dei confratelli con gli scomunicati
XXVII - Qualiter debeat abbas sollicitus esse circa excommunicatos XXVII - La sollecitudine dell'abate per gli scomunicati
XXVIII - De his qui saepius correpti emendare noluerint XXVIII - La procedura nei confronti degli ostinati
XXIX - Si debeant fratres exeuntes de monasterio iterum recipi XXIX - La riammissione dei fratelli che hanno lasciato il monastero
XXX - De pueris minori aetate, qualiter corripiantur XXX - La correzione dei ragazzi
XXXI - De cellarario monasterii, qualis sit XXXI - Il cellerario del monastero
XXXII - De ferramentis vel rebus monasterii XXXII - Gli arnesi e gli oggetti del monastero
XXXIII - Si quid debeant monachi proprium habere XXXIII - Il "vizio" della proprietà
XXXIV - Si omnes aequaliter debeant necessaria accipere XXXIV - La distribuzione del necessario
XXXV - De septimanariis coquinae XXXV - Il servizio della cucina
XXXVI - De infirmis fratribus XXXVI - I fratelli infermi
XXXVII - De senibus vel infantibus XXXVII - I vecchi e i ragazzi
XXXVIII - De hebdomadario lectore XXXVIII - La lettura in refettorio
XXXIX - De mensura cibus XXXIX - La misura del cibo
XL - De mensura potus XL - La misura del vino
XLI - Quibus horis oportet reficere fratres XLI - L'orario dei pasti
XLII - Ut post completorium nemo loquatur XLII - Il silenzio dopo compieta
XLIII - De his qui ad Opus Dei vel ad mensam tarde occurrunt XLIII - La puntualità nell'Ufficio divino e in refettorio
XLIV - De his qui excommunicantur, quomodo satisfaciant XLIV - La riparazione degli scomunicati
XLV - De his qui falluntur in oratorio XLV - La riparazione per gli errori commessi in coro
XLVI - De his qui in aliis quibuslibet rebus delinquunt XLVI - La riparazione per le altre mancanze
XLVII - De significanda hora Operis Dei XLVII - Il segnale per l'Ufficio divino
XLVIII - De opera manuum cotidiana XLVIII - Il lavoro quotidiano
XLIX - De Quadragesimae observatione XLIX - La Quaresima dei monaci
L - De fratribus qui longe ab oratorio laborant aut in via sunt L - I monaci che lavorano lontano o sono in viaggio
LI - De fratribus qui non longe satis proficiscuntur LI - I monaci che si recano nelle vicinanze
LII - De oratorio monasterii LII - La chiesa del monastero
LIII - De hospitibus suscipiendis LIII - L'accoglienza degli ospiti
LIV - Si debeat monachus litteras vel aliquid suscipere LIV - La distribuzione delle lettere e dei regali destinati ai singoli monaci
LV - De vestiario vel calciario fratrum LV - Gli abiti e le calzature dei monaci
LVI - De mensa abbatis LVI - La mensa dell'abate
LVII - De artificibus monasterii LVII - I monaci che praticano un'arte o un mestiere
LVIII - De disciplina suscipiendorum fratrum LVIII - Norme per l'accettazione dei fratelli
LIX - De filiis nobilium aut pauperum qui offeruntur LIX - I piccoli oblati
LX - De sacerdotibus qui forte voluerint in monasterio habitare LX - I sacerdoti aspiranti alla vita monastica
LXI - De monachis peregrinis, qualiter suscipiantur LXI - L'accoglienza dei monaci forestieri
LXII - De sacerdotibus monasterii LXII - I sacerdoti del monastero
LXIII - De ordine congregationis LXIII - L'ordine della comunità
LXIV - De ordinando abbate LXIV - L'elezione dell'abate
LXV - De praeposito monasteri LXV - Il priore del monastero
LXVI - De ostiariis monasterii LXVI - I portinai del monastero
LXVII - De fratribus in viam directis LXVII - I monaci mandati in viaggio
LXVIII - Si fratri impossibilia iniungantur LVIII - Le obbedienze impossibili
LXIX - Ut in monasterio non praesumat alter alterum defendere LXIX - Divieto di arrogarsi le difese dei confratelli
LXX - Ut non praesumat passim aliquis caedere LXX - Divieto di arrogarsi la riprensione dei confratelli
LXXI - Ut oboedientes sibi sint invicem LXXI - L'obbedienza fraterna
LXXII - De zelo bono quod debent monachi habere LXXII - Il buon zelo dei monaci
LXXIII - De hoc quod non omnis iustitiae observatio in hac sit regula constituta LXXIII - La modesta portata di questa regola
   
 

 

 

 http://ora-et-labora.net/

 

La Regola di San Benedetto per la vita solitaria, con tutte le informazioni necessarie per vivere quotidianamente da figlio di San Benedetto, clicca sull´ immagine.

 

Sia lodato Gesù Cristo!