Grotta di San´t Antonio Abate, padre del deserto.


San Benedetto dA Norcia

Santa Maria d´Egitto

santa rosalia

SANTA Maria Maddalena

san giovanni

Amici di viaggio sono anche San Romualdo e Santa Margherita Maria Alacoque

DEVOTI AI sacrATISSIMI cuori

di gesÙ e Maria!


Nell’adorabile Cuore di Gesù e di Maria troviamo tutte le armi per la nostra difesa, protezione e benedizione!

La medaglia di san benedetto!

Si dice che San Benedetto fu il primo padre esorcista che la storia ricordi, fondatore del gruppo di padri esorcisti, che da lui presero il nome, i Benedettini appunto. La storia riporta che fu preso di mira dal demonio ma che scampò alle sue insidie. Da sempre la sua Medaglia e la formula che è riportata su di essa attraverso le sole iniziali, viene considerata efficace come protezione dagli attacchi del maligno, sia per la persona che per la casa. Appendendo al muro la medaglia, infatti, la sua protezione si irradia su tutta l'abitazione. Le lettere che compaiono sulla medaglia danno origine alla preghiera riportata qui nelle versioni Latino e Italiano.

FORMULA IN LATINO

Crux Sancti Patris Benedicti

Crux Sacra Sit Mihi Lux

Non Draco Sit Mihi Dux 

Vade Retro Satana  

Numquam Suade Mibi Vana 

Sunt Mala Quae Libas  

Ipse Venea Bibas 

FORMULA IN ITALIANO

Croce del Santo Padre Benedetto

Che la Croce Santa sia la mia luce

Il demonio non sarà mai il mio padrone  

Allontanati, o Satana 

Non mi persuaderai mai di cose vane 

Ciò che mi presenti è male 

Bevi tu stesso il tuo veleno


S. Benedetto, patrono d’Europa, è  invocato anche come patrono della Buona Morte.

Egli apparve un giorno a S. Gertrude, dicendo: "Chiunque mi ricorderà la dignità per cui il Signore ha voluto onorarmi e beatificarmi, concedendomi di fare una morte così gloriosa, io l’assisterò fedelmente in punto di morte e mi opporrò a tutti gli attacchi del nemico in quest’ora decisiva. L’anima sarà protetta dalla mia presenza, essa resterà tranquilla, malgrado tutte le insidie del nemico, e, felice, si slancerà verso le gioie eterne".

 

S. Benedetto morì in piedi e ai piedi dell’altare, le mani levate verso il cielo, dopo aver ricevuto la S. Comunione, ed egli unì così la sua morte a quella di Gesù sul Calvario, di cui l’Eucaristia è il memoriale.

La medaglia di S. Benedetto, messa vicino al Cristo in croce, ci ricorda la sua morte gloriosa.

 

Alla medaglia e alla croce di S.Benedetto è annessa la l'indulgenza plenaria in punto di morte. 

Il moribondo che bacia o che tocca in qualche modo uno di questi crocifissi gode della remissione completa delle colpe e dell'espiazione.   Come condizione si chiede che si sia confessato ed abbia ricevuto la S. Comunione, o, se non lo potesse fare, abbia almeno la contrizione dei peccati, che invochi con tutto il cuore (se non lo potesse fare con la bocca) il Santissimo Nome di Gesù, ed accetti con rassegnazione la morte dalle mani di Dio, a penitenza dei suoi peccati. Il Crocifisso della Buona Morte e la medaglia di S. Benedetto, devono essere benedetti da un Sacerdote e perdono la propria virtù se vengono utilizzati per commerci e vendite.

La Medaglia di S. Benedetto è molto antica. La sua popolarità data soprattutto daIl‘Xl. secolo, in seguito alla guarigione miracolosa di un giovanotto, un certo Bruno, che si fece monaco benedettino e divenne più tardi il Papa S. Leone IX.   

Di solito si mette vicino a S. Benedetto un calice da cui esce un serpente, per ricordare che questo Santo scampò alla morte facendo un segno da croce su una coppa, piena di veleno che gli si voleva far bere. Questo veleno mortale non poté sopportare il segno di vita che è rappresentato dalla croce. Le lettere inscritte sulla croce e attorno ad essa fanno allusione a questo miracolo.

Papa Benedetto XIV, ha fissato il disegno di questa medaglia. Da una parte essa porta l’immagine di S. Benedetto, che tiene in mano una croce e dall’altra una croce più grande con le iniziali in latino di parecchie parole.

La nostra croce