Bacheca




Perché questo Sito Internet?

Lodato sia Gesù Cristo !

 

Con questo sito desidero presentare la vita dei primi monaci e invitarti a pregare per le tante anime e di pregare in particolare il santo breviario monastico. Se già sei un anima di preghiera e desideri pregare di più troverai qui il libro di preghiera dei padri del deserto chiamato „Agpeya“, in italiano „Agpia“. Lo trovi qui sotto come anche nella pagina in questo sito che porta alle diverse preghiere.
Ci sono anche audio registrazioni delle preghiere dei padri del deserto e li trovi qui sopra cliccando il pulsante verde con titolo:

BENEDICTA A JESUS o cliccando direttamente qui👉  https://youtu.be/J2Ayb3AOT7I

 

La parola Monaco deriva dalla parola greca “Monakos” già utilizzata da Platone e descrive qualcosa di unico e di solitario. 

Il Monaco è una persona che ha scelto di essere solo per essere di Dio e con Dio evitando il pericolo di perderlo.

Anacoreti ed Eremiti sono Monaci, in particolare se seguono una Santa regola e pregano il santo Breviario vivendo appartati. L’Anacoreta è un eremita dedito alla contemplazione e alle pratiche ascetiche. Si tratta di una persona solitaria che fugge qualsiasi contatto coi propri simili.

I primi Monaci non vivevano in comunità ma vivevano da soli. Cercavano la solitudine in particolare perché come disse Gesù a un grande Santo che scrisse la Regole delle recluse: „quanto sei sola, non sei sola, ma proprio quanto sei sola sei con Gesù che fugge la folla!“

I padri del deserto si ritirarono dalla folla e dalle città, cercando la solitudine con Dio per pregare e fare penitenza.

 

Io stessa vivo una vita solitaria ritirata e come dice la Sacra Scrittura, essere nel mondo ma non del mondo. Di natura estroversa, ho scelto di curare la vita interiore evitando la vita sociale proprio per chiamata di Dio e per propria scelta, evitando così le distrazioni e il cuore diviso. 

Ho scelto di lasciare la carriera nel mondo della vanità lasciando il successo e il Glamour, per avere il vero tesoro che è Gesù. Scegliendo una vita di preghiera e contemplazione, preferire questi al successo e al divertimento superficiale, egoista e passeggero. È più tosto da preferire una vita con un senso, una vita con Dio, una vita amando, adorando la Santissima Trinità, una vita con e per i poveri, le povere anime, i dimenticati, pregando per loro e contemplare Dio sul monte.

È li, sul monte e davanti al Santissimo Sacramento dell‘altare dove portiamo le anime a Cristo intercedendo per loro e affidandoli alla Sua cura.
Ho voluto seguire l‘invito di lasciare tutto e la chiamata di andare nel deserto, e sono partita per cercare quel deserto che bussava al mio cuore già da bambina, volendo esse di Gesù e ritirata, al servizio della sua Chiesa... e mi misi in cammino... ebbe inizio un lungo cammino e una vera e propria avventura con Dio... 

 

„Ora et labora“ ci insegna San Benedetto, „prega e lavora“ e fai penitenza.

Ogni giorno accanto al „labora“, mi dedico all’“ora“ cioè all’orazione, aggiungendo ogni giorno alla preghiera del breviario latino i 150 Salmi (vedi l‘Agpeya), avendo nel cuore in particolare l’adorazione eucaristica.

Nel tabernacolo troviamo Gesù e tutte le persone sofferenti che hanno bisogno di preghiera. Nel tabernacolo gli portiamo il mondo intero che ha bisogno d’Amore, perdono, salute, protezione e guida. Lo adoriamo per tutti quelli che non lo fanno e gli portiamo le anime. È li e nel Santo sacrificio della messa che ci troviamo cuore a cuore con Gesù, Sposo dell‘anima!

 

Consoliamo non solo Gesù ma anche tutte le anime bisognose, aiutandoli attraverso la nostra preghiera e intercessione per loro. Quel mondo che ha bisogno di calore, compassione e salvezza, quel mondo che ha bisogno di pace, ha bisogno di Gesù, della sua misericordia, ha bisogno di Te che ti doni e preghi e intercedi per loro.

Lodare e adorare Dio e portargli in preghiera le anime, pregare il divino ufficio senza distrazioni ma con cuore e attenzione è da vedere come un atto riparatorio e beneficio, un grande aiuto per le anime e il mondo intero.

 

Questo sito è in particolare un invito a unirsi spiritualmente a questo genere di vita, cioè la vita eremitica, la vita da Monacos, da ritirati cercando Gesù Sposo dell’anima, donandosi a Dio in una vita di preghiera, devoti ai sacratissimi cuori di Gesù e Maria, vivendo in particolare una vita solitaria ma uniti a tutti i membri della Chiesa! 

 

❤️Scegli una Santa regola da vivere; una regola sicura che ti porta in Cielo. La regola di San Benedetto offre a ogni persona solitaria un‘aiuto, ma se ti senti attirato per un altra o per una propria Regola va bene lo stesso. Se hai scelto di vivere sotto una regola propria, è da preferire che la vita regola sia stato benedetta dal padre spirituale.

 

Se rimani nel mondo e non vivi in comunità è buono trovare una santa regola che con aiuto del padre spirituale sia stata adattata al tuo modo di vivere nel tuo eremo, cioè nel tuo deserto e nel mondo. Questa regola può anche essere solo temporanea, fino a che Dio ti porterà al porto definitivo della tua vocazione.

Se cerchi un consiglio e ti domandi come potere vivere la regola o se desideri entrare a fare parte di questa famiglia spirituale di anime oranti nel deserto, e vuoi condividere la tua esperienza e la tua regola puoi scriverci su= anacoretajesus @yahoo.com, ci farà molto piacere conoscerti ed essere al tuo fianco con l’ascolto, un consiglio e la preghiera.


Ci sono non pochi Consacrati che vivono da soli nel loro eremo lontani dalla civilizzazione, certi vivono da eremiti in città, qualcun altro in una casetta in campagna, un altra anima vive una vita da anacoreta, c’è chi è un consacrato diocesano, ci sono anche suore e sacerdoti che si sono ritirati in solitudine per vivere li la vita eremitca primitiva, un fratello vive in un camper, un altro vive la regola in ospedale a causa di una malattia. Anche gli infermi e i legati al letto a causa di un infermità, anche poveri, anche persone in lutto e dolore possono servire Dio, anzi nel dolore lo si serve ancora di più se si ama Dio e il caro prossimo e se si sopporta tutto con pazienza e lo si offre come sacrificio unendolo al sacrificio di Cristo, per amore.  

A Dio piace essere servito e amato ovunque e da ogni cuore! 

 

Per consacrarsi a Dio e vivere una vita sotto una santa regola religiosa non è mai troppo tardi.

 

Preghiamo per te caro fratello e cara sorella in Cristo, preghiamo che trovi quel posto buono e santo, cioè il tuo santo deserto dove Gesù, sposo dell‘anima, ti aspetta, affinché godi le sue delizie, e collabori con Gesù ad aiutare e salvare le anime...

Dio ti benedica.

Tua piccola sorella in Cristo

Benedicta di Gesù 

 

 


IL LIBRO DI PREGHIERE ORIGINALE DEI PADRI DEL DESERTO

La versione monastica che troviamo nel sito è il breviario monastico benedettino, proprio come è descrittivo nella regola di San Benedetto e come e come ci viene proposta dalla Chiesa Chi vuole pregare di più e pregare 150 Salmi al giorno, anche come atto di penitenza e riparatoria, può cliccare sull’Agpeya e così pregare il libro di preghiera dei padri del deserto! 

 

Per chi volesse pregare oltre all’ufficio divino regolare la preghiera dei primi monaci d’Egitto, trova qui la preghiera dei padri del deserto.

▶︎ 150 SALMI AL GIORNO CON L‘AGPEYA

L’Agpeya (in italiano spesso chiamato AGPIA) è il breviario, cioè il libro di preghiere dei primi padri del deserto d’Egitto. Adesso viene pregato in particolare dalla Chiesa copta ortodossa e dai monaci che seguono l‘esempio del grande sant’Antonio Abate, primo padre del deserto. L’Agpeya non può arricchire la preghiera di tutti che amano Gesù e che vogliono pregare la preghiera che egli stesso pregò: i SALMI !❤️

Download
Agpeya. La preghiera dei padri del deserto, breviario antico di Egitto in italiano.
Fonte: diocesicoptamilano
agbeia_pdf.pdf
Documento Adobe Acrobat 8.0 MB
Download
Agpeya! In italiano chiamato anche AGPIA
l libro di preghiere dei padri del deserto e dei primi monaci.
Un tesoro che arricchisce la preghiera e rende gloria a Dio 🙏
Agpeya italiano.pdf
Documento Adobe Acrobat 737.4 KB

Agpeya — formato Video

In Video formato trovi qui le preghiere del mattino e della sera, tutte le altre preghiere saranno fra breve resi disponibili.

 

Vogliamo specificare che siamo dei Cattolici convinti, e mettere qui a disposizione l‘Agpeya che è la preghiera dei padri del deserto e che viene usata dalla Chiesa cristiana copta (e non cattolica) non significa che simpatizziamo con tutte le loro idee e certe false convinzioni. Ma il loro libro di preghiera ha un origine cattolico e contiene i 150 Salmi cioè identici a quelli nostri e della Sacra Scrittura, ovviamente il Credo va sostituito con il Credo cattolico


Breviario monastico di San Benedetto

Segue il breviario di San Benedetto! Cioè il regolare breviario monastico. Clicca sul Button „DIVINUM OFFICIUM“

Versione Mobile Breviario Monastico clicca sul verde button


Versione Desktop clicca sul seguente pulsante verde


Pregare come piace a San Benedetto

A San Benedetto piacciano molto i monaci che amano pregare i 150 Salmi in un giorno. Tutti i Salmi devono essere detti almeno distribuiti durante la settimana. E ammette che gli avrebbe fatto piacere se i suoi monaci pregassero anahe come i padri del deserto tutti i Salmi in un giorno.

Qui una fotografia del sito dove troviamo il breviario monastico di San Benedetto in latino. Si può scegliere la lingua di traduzione così la si trova poi direttamente accanto al testo latino. In questo breviario monastico di San Benedetto troviamo anche delle letture della Sua regola.

Nel sito divinum officium cliccate sulla parole MOBILE (o Desktop se usate un computer). 

 


Consacrarsi a Dio e fuggire il mondo

= essendo nel mondo ma non del mondo



ABITANTI DEL DESERTO

ANACORETI ED EREMITI SOTTO LA REGOLA DI SAN BENEDETTO

 

 Discepolo:

Come può l'uomo uscire completamente dal mondo?

Maestro:

Per mezzo del desiderio suscitato dalla memoria dei beni futuri, quelli che la divina Scrittura semina nel suo cuore con la dolcezza dei suoi versetti colmi di speranza. Infatti, il pensiero non può disprezzare il suo amore di prima, finché un desiderio più eccellente non si contrappone a quelle cose che sono ritenute gloriose e piacevoli, dalle quali l'uomo è posseduto.

 

 

 

Cuore di Gesù che bruci d'amore per noi Infiamma il nostro cuore d'amore per te !

Anachoreta a Sacratissimis coniuncti Cordibus Jesu et Mariae

 

 Attualizzato MAGGIO 2021!📍

 All rights reserved ®